Alla AMP Conference 2018 di Amsterdam Google ha presentato le nuove AMP Stories, un nuovo formato di pagine AMP che prendono spunto da uno dei maggiori trend sui social del 2017, le storie.

Google AMP

Le pagine AMP, acronimo di Accelerated Mobile Pages, fanno parte di un progetto open source di Google volto a velocizzare e migliorare la navigazione di siti web su dispositivi mobili a partire dal motore di ricerca. Nate anche per contrastare la velocità di diffusione delle notizie sui maggiori social media come Facebook e Twitter, le pagine AMP sono oggi molto utilizzate dalle maggiori testate giornalistiche e blog online.

In pratica le pagine AMP sono versioni alleggerite di pagine web con il vantaggio di aprirsi in tempi rapidi per rispondere velocemente alle esigenze degli utenti mobili. Nei risultati di ricerca di Google queste pagine vengono solitamente listate per prime e con una grafica contenente una immagine di copertina il che le dona un tasso di click per impression molto alto.

Fra le altre cose è possibile avere come risultato di ricerca più di una pagina AMP, è possibile infatti, con uno swype, passare da un risultato AMP ad un altro.

Google AMP Stories

Come dicevo Google ha presentato, al suo evento annuale legato al progetto, una nuovissima versione interattiva di AMP che riprende il concetto delle storie di Instagram, Facebook, Whatsapp e co, le AMP Stories.

Sostanzialmente gli editori sono in grado di creare articoli interattivi e graficamente accattivanti composti da varie slide che è possibile navigare con un click sulla parte destra o sinistra dello schermo proprio come accade ad esempio in Instagram. Tutto questo è volto a rendere la lettura dei giornali più coinvolgente grazie ad immagini a pieno schermo oppure animazioni di vario genere.

Le AMP stories sono attualmente in fase di sperimentazione per alcune testate giornalistiche come The Washington Post, CNN e molti altri. Potete provare alcune di queste AMP stories (consiglio di visionarle da uno smartphone) da qui: NASAWIRED e The Washington Post.

Il futuro delle Google AMP Stories

Google ha già inserito tutta la documentazione per poter iniziare la sperimentazione delle AMP Stories sul sito ufficiale del progetto AMP in modo che tutti i giornali online e sviluppatori possano iniziare a sperimentare questa novità.

Purtroppo le stories in formato AMP non sono visibili a tutti gli utenti ma è necessario usare una determinata URL in fase di ricerca. Google non ha ancora annunciato una data in cui le AMP sotries saranno disponibili per tutti gli utenti del suo motore di ricerca ma sono sicuro che ne sentiremo parlare nuovamente al Google I/O di maggio.